Chi si accontenta gode o muore?

Da sempre le persone si accontentano accettando le cose così come vengono; forse perché non hanno mai avuto nulla dalla loro vita oppure si accontentano solo di quello che riescono ad ottenere col minimo dello sforzo, magari per paura di non trovare nulla di meglio, o ancora per timore di affrontare le situazioni e mettersi in gioco.

Questa ultima considerazione mi fa pensare alla vita del profeta Giona.

Giona in un momento della sua vita, dove Dio gli rivelò il proposito che aveva per lui, ebbe paura. Era così spaventato di cosa gli riservasse il futuro che si accontentò.

Non corse verso il suo proposito, ma anzi preferì scappare e nascondersi su una nave e sigillare dentro di lui il destino che Dio gli aveva dato. Tuttavia, proprio quando lui era in silenzio e nascosto sulla nave, si scatenò una tempesta.

In fondo, anche noi come Giona tendiamo a nasconderci, a metterci un po’ in disparte e a stare in silenzio quando il futuro ci spaventa e purtroppo è proprio in questi momenti che le situazioni e i pensieri si accumulano diventando un po’ una tempesta che si scatena contro di noi.





Durante la tempesta, però, il capitano della nave chiese a Giona, che era in sonno profondo: “Che fai Dormi?” - Giona 1:6

E questa è diventata anche la mia domanda.

Spesso siamo così feriti dal passato che il futuro ci mette paura; si è così stanchi del male ricevuto che crediamo che peggio non possa andare e invece di difenderci dalla tempesta lasciamo che ci distrugga, mettendoci in uno stato di fermo.

Oggi, quindi, ti chiedo: cosa vuoi fare durante la tempesta? Dormire?

Ci hanno insegnato che dobbiamo prendere quello che viene, ma a mio parere non c’è niente di più sbagliato. Io non prendo ciò che viene, io esco dalla mia zona di confort e prendo ciò che voglio e ciò che mi appartiene!

Sai cosa ti appartiene? Il tuo proposito!

Ognuno di noi, infatti, ha un proposito, qualcosa da compiere. Se tu che leggi credi di essere qui sulla terra per pura casualità stai sbagliando perché nessuno nasce per caso e anche tu hai un destino!

Quindi, quello che voglio dirti oggi è: non rimanere in silenzio mentre i tuoi pensieri parlano ma URLA.



Urla il tuo sogno da realizzare, compi il tuo proposito e non dormire come Giona perché si sa, chi dorme non piglia pesci e senza cibo si muore di fame. Giona stesso, una volta superata la tempesta, è riuscito ad adempiere con successo il proposito che Dio aveva preparato per lui. Se si fosse fermato accontentandosi, non avrebbe raggiunto il suo obiettivo ed oggi non parleremmo di lui.

È arrivato il momento quindi di prendere una decisione: vuoi continuare ad accontentarti per il resto della tua vita?


Se la risposta è no, allora svegliati e inizia a correre verso il tuo proposito!






Autore: Salvo Nuccio

Foto di Ali Abdul Rahman

173 visualizzazioni3 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Come Meditare?

PASSA OLTRE